Dallas e dintorni

Se dovessimo credere a tutto quello che ci viene propinato dai mezzi di comunicazione, potremmo fare a meno di definire noi stessi marxisti. Prendiamo ad esempio i recenti fatti di Dallas, e analizziamo la produzione di articoli e interviste che a questi fatti fanno riferimento. Ebbene, non c’è dubbio che nella presentazione dei fatti prevalga la chiave di lettura superficiale degli scontri razziali e della lotta per i diritti civili. Probabilmente l’idea/convinzione di battersi contro la discriminazione razziale è anche la convinzione/motivazione dominante nei soggetti che stanno operando sul terreno, da una certa parte della barricata. I mass media e gli amministratori politici del regime capitalista veicolano spudoratamente questa rappresentazione derivata della realtà: derivata, ovvero conseguente alla negazione basica della verità analizzata da Marx già nel capitolo del Capitale dal titolo ‘il carattere di feticcio della merce e il suo arcano’. La società capitalistica ha i suoi pilastri nello sfruttamento/oppressione della forza lavoro occupata e di converso nella oppressione /repressione di quella parte enorme e crescente di forza lavoro disoccupata, un esercito industriale di riserva che sopravvive a stento, in condizioni precarie, sub umane. Periodicamente le disumane condizioni di esistenza della sezione occupata e della sezione disoccupata di proletariato producono turbolenze e disordini, sistematicamente repressi dall’attrezzatura di oppressione statale della classe di sfruttatori borghesi. Sono queste le ragioni sociali di base che stanno dietro le rivolte urbane ricorrenti, a Dallas e altrove, in cui decine o centinaia di migliaia di soggetti si scontrano con l’attrezzatura statale di difesa e di attacco  della classe dominante. Non si tratta dunque di lotte a sfondo razziale, l’elemento razziale è presente come effetto derivato della mistificazione generale dei rapporti socio-economici tipica del capitalismo. In realtà le proteste e gli scontri di Dallas, al di là delle rappresentazioni illusorie che ne fanno nella propria testa i vari attori sociali, sono la risultante determinata di ben precise leggi socio-economiche del capitalismo.
l’inquadratura e lo schema teorico con cui leggiamo il fenomeno Dallas susciteranno regolari accuse di sindrome dottrinale e quindi di dogmatismo. Ci aspettiamo inoltre l’osservazione associata di ignorare le caratteristiche specifiche dei fatti di Dallas, vittime del nostro dogmatismo talmudico.
Bene, prendiamo in esame la prima critica, cioè quella di essere dei dottrinari. Riflettiamo su questo: non è forse la vita stessa ad avere bisogno di memoria e conoscenza ricavate dall’esperienza, dalle vicende vissute, dalle vittorie e dalle sconfitte? La specie umana , avrebbe raggiunto il  livello di evoluzione attuale, senza lo strumento della conoscenza, basato sulla capacità di induzione e deduzione, cioè di passaggio induttivo dai dati particolari agli schemi astratti generali, e poi di deduzione dei fenomeni particolari dalle leggi generali ?  Dunque se questo è vero, tanto che in biologia si teorizza una memoria genetica delle varie specie viventi, allora perché criticare la chiave marxista/dottrinaria di lettura dei fatti di Dallas? Quale schema di decodifica dovremmo usare in alternativa, forse quello che ci propina il regime mass mediatico dominante? Seconda obiezione : nel vostro schema dottrinale rigido si perde il dettaglio irripetibile, non siete elastici e quindi vi tocca rinunciare a comprendere la specificità di un determinato fenomeno. Nel nostro schema teorico marxista vi sono due fattori interconnessi: definiti in ordine di importanza come struttura e sovrastruttura di una certa organizzazione sociale. Riteniamo realistico pensare che i fatti di Dallas si sviluppino dentro un quadro strutturale e sovra strutturale definibile come capitalismo. Dunque non si comprende perché non si debba innanzitutto considerare l’azione delle leggi capitalistiche generali nella genealogia di fenomeni come quello di Dallas. Gli aspetti precipui, locali, sono il prodotto di aspetti interessanti, ma secondari che tuttavia non modificano il quadro dei condizionamenti generali dato dalle leggi capitalistiche. Considerando i dettagli non troveremo le cause determinanti dei fenomeni,  a meno di non volere abolire ogni gerarchia di rapporto causa/effetto nel divenire storico (economico sociale).
Ragionando su movimenti come nuit debout oppure come occupy Wall Street, in precedenti articoli abbiamo osservato, o meglio constatato, una componente sociale predominante di tipo piccolo borghese, evidentemente decisiva nel determinare gli obiettivi ‘politici’ di tali movimenti. Non ci sembra che nella situazione di conflittualità di Dallas, o meglio partita da Dallas, si possa rilevare una componente sociale determinante, di classe media. Dalle immagini e dai resoconti emerge un quadro prevalentemente proletario,  soprattutto di proletari disoccupati, poveri, privi di sicurezze patrimoniali e prospettive di reddito sicuro . Le leggi economiche capitalistiche accrescono l’esercito industriale di riserva in un percorso storico ininterrotto, e quindi impoveriscono di fatto, in modo relativo e assoluto, fasce crescenti di popolazione. Un episodio qualsiasi può fare da detonatore a questa bomba sociale a orologeria, e quindi gli episodi di razzismo, le violenze e i morti sono in definitiva il pretesto per fare esplodere lo scontento di massa verso una certa organizzazione della società. Le dirigenze politiche borghesi si affannano a buttare acqua sul fuoco con dichiarazioni distensive, da un lato, mentre le forze dell’ordine, dall’altro lato, continuano a fare muro contro le proteste. Pugno di ferro, nascosto, ma non troppo, da un guanto di velluto. Il potere di classe, anche nelle situazioni di conflitto più esplicite, non ama svelare la sua natura violenta, di pura prevaricazione e sopraffazione.. Il cretinismo democratico di alcuni utopisti e opportunisti invece, fissando la vista solo sull’abito esteriore del regime, non è consapevole di ingurgitare tutta la sbobba ideologica che ogni regime classista diffonde sempre per rendere più efficace la propria dominazione. In tal modo il cretinismo democratico regredisce a livelli di pensiero politico non solo premarxisti, ma addirittura premachiavellici, per non citare autori ancora più antichi.
Al di là del cretinismo democratico, fermo alle apparenze legalitarie del regime borghese, resta comunque da valutare il contenuto politico, e non solo la composizione sociale, degli attuali movimenti di protesta sorti dell’episodio di Dallas. La morte dei cinque poliziotti e la successiva morte dell’attentatore/killer,  presentano delle analogie con le stragi verificatesi in America negli ultimi decenni, per i più svariati motivi. Quindi le motivazioni del killer  dei poliziotti, e la dinamica dei fatti sono alquanto oscure e complesse. Tuttavia il dato di fatto innegabile è che questo episodio ha fatto da detonatore a un ciclo di proteste di ampie dimensioni. Come dicevamo prima la composizione sociale delle proteste è in prevalenza proletaria e di origine afroamericana. Gli obiettivi politici sono lontani da un programma di tipo marxista, le parole d’ordine sono infatti concentrate sui diritti civili, la lotta alle discriminazioni razziali, e altre mitologie ininfluenti a cambiare i termini reali del problema, dato dall’esistenza/sopravvivenza del capitalismo. Questa arretratezza degli obiettivi politici è il segnale della persistente vitalità, e quindi capacità di condizionamento della classe borghese. Ipotesi finale : il movimento di lotte partito da Dallas difficilmente evolverà in senso anticapitalista, non essendo presenti, sincronicamente, le tre condizioni individuate dalla corrente (forte presenza proletaria, erosione drastica delle garanzie patrimoniali di una parte notevole della classe, e presenza di un partito marxista in grado di dirigere i movimenti di lotta). Come in passato, in occasione di altre proteste sorte da eventi analoghi, il movimento tenderà a rifluire e infine a scomparire (almeno per un certo periodo). Qualcosa, tuttavia, si sedimenterà nella memoria dei soggetti sociali proletari, e nel tempo contribuirà ad orientare il conflitto sociale su terreni politicamente più avanzati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...